In-una-parola | #08 | Architettura

Architettura

Etimo: da architetto dal greco archè, primo unito a tekton artefice
Sign: insieme di principi che guidano l’attività del creare e del costruire

Architetto, cioè colui che pratica l’architettura, è una parola formata dalla fusione di due termini: Archè e Tekton.
Archè esprime sia l’origine, il principio sia la guida e il comandare.
Tekton richiama significati quali inventare, creare, plasmare, costruire ma anche l’arte manuale e il fare tecnico.

Quindi sintetizzando possiamo dire che l’architettura è l’insieme di principi che guidano l’attività del creare e del costruire (intesi soprattutto in senso pratico).

Platone classificherebbe i principi nel mondo delle idee: essi sono infatti qualcosa di mentale ed immateriale, sono pensieri e riflessioni, impalpabili e eterei.
Questi principi hanno la possibilità di diventare reali, passando così dal mondo delle idee al mondo della cose, prendendo forma e materia: attraverso l’attività del creare e del costruire questi principi diventano architetture che possiamo vedere con i nostri occhi, toccare, attraversare, vivere.

La trasformazione dall’immateriale al reale avviene per mano (o azione) umana.
Siamo noi che trasformiamo le idee in principi ordinatori.
Siamo noi che cogliamo i principi e li trasportiamo nel reale.
Siamo noi che costruiamo perseguendo tali principi con la volontà di dargli forma e materia.

Il principio è una scelta, una possibilità tra le tante, un’idea che si decide di seguire, di prendere come ordine e guida e che si persegue per trasformarlo in qualcosa che ancora non è, ma che sarà.

L’architettura è il collegamento tra il mondo delle idee e il mondo delle cose, tra il progetto e l’opera realizzata, è quel filo sottile che collega il pensiero finalizzato alla cosa realizzata.

Non è l’opera finita e non è neanche la semplice idea, l’architettura è il processo.
Come in una reazione chimica in cui si mescolano diversi elementi al fine di arrivare ad avere qualcosa di nuovo, l’architettura non è l’idea di mescolare gli elementi e non è neanche la conclusione dell’esperimento, l’architettura è il processo di trasfomazione, è il momento in cui avviene il passaggio tra ciò che era a ciò che è.
Come ci dice l’etimo della parola che fonde insieme principi e pratica del costruire, l’architettura si trova nel luogo in cui ci sono i principi e c’e anche la realtà, dove l’immateriale e il materiale coesistono.

Alla luce di questo, maqualidesigner, è tutta architettura quella che vediamo?

Molti hanno provato a fare una distinzione tra cio che è architettura da ciò che non lo è, alcuni seguendo principi storici, rifacendosi ai classici dell’architettura, altri secondo principi estetici, scomodando la “bellezza” ed altri valori soggetti al tempo e allo spazio.
Noi abbiamo provato a guardare l’architettura come un momento più che come una caratteristica, come una trasformazione più che come un’etichetta.
Abbiamo provato ad esplorare l’architettura come un passaggio tra due mondi che vada oltre al giudizio nella ricerca di nuovi stimoli e nuovi collegamenti, nuove riflessioni su idee e pratiche, insomma nuove opportunità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: