archivio

highlight

Sfatiamo un mito.
I render non sono belli.
I render sono il male.
Sono il male per il progetto, per i progettisti, per i committenti ma soprattutto sono il male per quello che amiamo definire con grande rispetto e devozione “target medio”.
Il target medio è mia mamma, tua sorella, la zia di tuo padre. Loro sfogliano le riviste dal medico, i giornali gratuiti in metro la mattina, in casi di estrema fortuna una copia di “cose di casa” perchè devono rifare il bagno. E per fortuna che esistono questi meravigliosi esseri umani che compongono il “target medio” perchè ci permettono di misurarci con sfide sempre nuove, ogni giorno, sul campo del progetto.
Una di queste sfide è quella del LINGUAGGIO.
Noi designer (desainer per il tm più avanzato) abbiamo un compito molto complesso ma incredibilmente appagante: riuscire ad esprimere i concetti con le immagini laddove le parole non possono, o forse devono, arrivare. Ed è per questo che fin dai nostri primi teneri passettini veniamo incoraggiati a diventare dei polistrumentisti, destreggiandoci in veri e propri decathlon alla ricerca dei modi che siano non solo più adatti a raccontare quello che siamo stati in grado di produrre, ma soprattutto come e perchè. Raccontarne il senso, insomma.
Non è una strada semplice quella della dimensione della rappresentazione, è una via tortuosa, un dedalo intricatissimo che vede l’eterna lotta tra alcune macrocategorie composte dai nostalgici della mano e della matita (con tanto di prospettiva aerea), dai fanatici del evergreen pantone e dai nerd che dagli due textures e ti sollevano il mondo.
Alla luce delle esperienze maturate (non tantissime, ma siamo in 4 e questo ci permette di moltiplicare le cose viste collocandoci verso un’età anagrafica superiore alla nostra), riteniamo sia molto complesso definire una “giustezza” della rappresentazione. Il bello del nostro lavoro è proprio quello di poter provare ed azzardare su carta o su schermo quello che più ci stuzzica, coltivando immaginari (ndr. di questo parleremo molto presto!) che permettano di andare oltre la conoscenza delle forme del quotidiano. è un lavoro di responsabilità quello di introdurre dei nuovi modi di guardare alle cose ed è giusto che la nostra figura se ne faccia carico.
Questo è quello in cui crediamo.
Poi però accadono cose come la presentazione dei render di Expo 2015. (qui una delle gallery completa)
In questi momenti, tra il serio e il faceto, con un sorriso che è più un ghigno di dolore, ci chiediamo semplicemente “PERCHè?”.
Perchè?


E allora non stupiamoci se il tanto amato target medio non l’ha capito che cos’è quest'”Expò”. Perchè laddove non sono arrivate le parole, le presentazioni, gli spot, le proteste, dove non è arrivato nemmeno Foody che poverino non è colpa sua, dovevamo arrivarci noi.
Noi cultori dell’immagine e del racconto senza parole.
L’immagine è un’arma potentissima: ha il potere di aprire le teste delle persone senza che queste quasi possano accorgersene. Ciò la rende uno strumento altamente democratico e che abbiamo il dovere di preservare, innovare e coltivare per arrivare a dialogare con consapevolezza con quel target medio che, soprattutto grazie a noi, avrà modo di evolversi e crescere a sua volta.
Non il render. L’immagine.
Per farlo servono progettisti che sappiano mostrare usando quanto di più democratico e accessibile dovrebbe esserci al mondo: la bellezza. 

Annunci

Soundtrack / Tribulations, Lcd Soundsystem To be honest there is not much to do in Dusseldorf and it goes without saying that you will find beer and proteins at every corner. But if you have a couple of hours to spare have a walk around the Medienhafen, the new part of the harbor designed by Alsop Architects …

Continua a leggere

“Avvertire che un edificio non esercita alcun fascino su di noi potrebbe significare che non ci piace il temperamento della creatura o dell’essere umano che oscuramente individuiamo in esso; al contrario, se lo definiamo bello forse sentiamo di essere in presenza di un carattere che, se prendesse vita, sarebbe di nostro gradimento. In fin dei conti ciò che cerchiamo in un’opera architettonica non è diverso da ciò che cerchiamo in un amico.
Gli oggetti che definiamo belli sono versioni delle persone che amiamo.

Questa galleria contiene 15 immagini.

Soundtrack / Everything in its right place, Radiohead Everybody says that Budapest is the Eastern Paris. They probably do have lots of things in common, both have rivers, beautiful buildings, cultural roots and a deep history. Probably the only difference is that Paris is always beautiful, too beautiful, you see beauty in every corner. In Budapest …

Continua a leggere

17th DECEMBER
LessIS by Maria Jennifer Carew
to give to: minimalist, fashionist, geek, 3D print addicted

LessIS is a collection of pendants born from the idea of simplifying as much as possible the concept of necklace. The pendant has a crucial role, more than the chain that supports it.
Mixing this new point of view, Jennifer has experimented her intuitions with a good dose of “simplicity” (or ability to synthesize, one of the designer’s skill we love more) and the 3D print using materials such as bronze, brass and nylon. And the results are some young, iconic and fun accessories that draw a new way to wear them.
Let’s do some shop: from 11 euros HERE on Detaildesignstore, HERE on Fulfildesign or @ Gallery on the Move (via Elba, 30 – MI) !
and follow LessIS on the fb page!

lessIS_cart

16th DECEMBER
TAPIS INOPIA by Jean Jullien
t
o give to: obsessed graphic designers, comic writers and friends with sense of humor

Jean Jullien is a French graphic designer currently living in London.

Lili and Ralf. A lovely couple of hand woven rugs that with a small price will bring cuteness anywhere in your house.

To order them and to know more about Jullien’s work:

jeanjullien.com

lesmanufacturesdinopia.com

format_cartoline_natale