archivio

innovation

Archigram | Peter Cook | Instant City | 1969

COOK_instant city

Instant City, Before IC, a Sleeping Town
Airship Sequence of Effect on an English Town

COOK_instant city 3

Instant City, Descent
Airship Sequence of Effect on an English Town

COOK_instant city 4

Instant City, Event
Airship Sequence of Effect on an English Town

COOK_instant city 2

Instant City, Highest Intensity
Airship Sequence of Effect on an English Town

COOK_instant city 5

Instant City, Infiltration
Airship Sequence of Effect on an English Town

COOK_instant city 6

Instant City, Network, Takes Over
Airship Sequence of Effect on an English Town

Annunci

Questa galleria contiene 1 immagine.

Elianto film è una realtà che ci piace raccontare. E non solo perchè quelli di Elianto film fanno cose bellissime, ma perchè le fanno anche bene. Tra le cose che hanno fatto bene negli scorsi mesi c’è la partecipazione al contest VIDEOMAKARS promosso da Fondazione Italiana Accenture e Fondazione Milano – Civica Scuola di Cinema, con il …

Continua a leggere

Sfatiamo un mito.
I render non sono belli.
I render sono il male.
Sono il male per il progetto, per i progettisti, per i committenti ma soprattutto sono il male per quello che amiamo definire con grande rispetto e devozione “target medio”.
Il target medio è mia mamma, tua sorella, la zia di tuo padre. Loro sfogliano le riviste dal medico, i giornali gratuiti in metro la mattina, in casi di estrema fortuna una copia di “cose di casa” perchè devono rifare il bagno. E per fortuna che esistono questi meravigliosi esseri umani che compongono il “target medio” perchè ci permettono di misurarci con sfide sempre nuove, ogni giorno, sul campo del progetto.
Una di queste sfide è quella del LINGUAGGIO.
Noi designer (desainer per il tm più avanzato) abbiamo un compito molto complesso ma incredibilmente appagante: riuscire ad esprimere i concetti con le immagini laddove le parole non possono, o forse devono, arrivare. Ed è per questo che fin dai nostri primi teneri passettini veniamo incoraggiati a diventare dei polistrumentisti, destreggiandoci in veri e propri decathlon alla ricerca dei modi che siano non solo più adatti a raccontare quello che siamo stati in grado di produrre, ma soprattutto come e perchè. Raccontarne il senso, insomma.
Non è una strada semplice quella della dimensione della rappresentazione, è una via tortuosa, un dedalo intricatissimo che vede l’eterna lotta tra alcune macrocategorie composte dai nostalgici della mano e della matita (con tanto di prospettiva aerea), dai fanatici del evergreen pantone e dai nerd che dagli due textures e ti sollevano il mondo.
Alla luce delle esperienze maturate (non tantissime, ma siamo in 4 e questo ci permette di moltiplicare le cose viste collocandoci verso un’età anagrafica superiore alla nostra), riteniamo sia molto complesso definire una “giustezza” della rappresentazione. Il bello del nostro lavoro è proprio quello di poter provare ed azzardare su carta o su schermo quello che più ci stuzzica, coltivando immaginari (ndr. di questo parleremo molto presto!) che permettano di andare oltre la conoscenza delle forme del quotidiano. è un lavoro di responsabilità quello di introdurre dei nuovi modi di guardare alle cose ed è giusto che la nostra figura se ne faccia carico.
Questo è quello in cui crediamo.
Poi però accadono cose come la presentazione dei render di Expo 2015. (qui una delle gallery completa)
In questi momenti, tra il serio e il faceto, con un sorriso che è più un ghigno di dolore, ci chiediamo semplicemente “PERCHè?”.
Perchè?


E allora non stupiamoci se il tanto amato target medio non l’ha capito che cos’è quest'”Expò”. Perchè laddove non sono arrivate le parole, le presentazioni, gli spot, le proteste, dove non è arrivato nemmeno Foody che poverino non è colpa sua, dovevamo arrivarci noi.
Noi cultori dell’immagine e del racconto senza parole.
L’immagine è un’arma potentissima: ha il potere di aprire le teste delle persone senza che queste quasi possano accorgersene. Ciò la rende uno strumento altamente democratico e che abbiamo il dovere di preservare, innovare e coltivare per arrivare a dialogare con consapevolezza con quel target medio che, soprattutto grazie a noi, avrà modo di evolversi e crescere a sua volta.
Non il render. L’immagine.
Per farlo servono progettisti che sappiano mostrare usando quanto di più democratico e accessibile dovrebbe esserci al mondo: la bellezza. 

Soundtrack / Tribulations, Lcd Soundsystem To be honest there is not much to do in Dusseldorf and it goes without saying that you will find beer and proteins at every corner. But if you have a couple of hours to spare have a walk around the Medienhafen, the new part of the harbor designed by Alsop Architects …

Continua a leggere

21st DECEMBER
SCARPE ECOSOLIDALI by Astorflex
to give to: agli appassionati di pelle e/o a chi ci tiene a camminare bene

Difficile scegliere tra i tantissimi modelli proposti da Astorflex e commercializzate da Ragioniamo coi piedi.
Quello che vi invitiamo a fare è guardare questi siti e scoprire un modo tutto nuovo (o forse molto antico) di produrre e creare scarpe ecologiche e solidali creando filiere corte, trasparenza sui prezzi e sui materiali utilizzati, rispetto per l’ambiente e per i lavoratori.

Qui nell’immagine uno tra i tanti prodotti, lo stivaletto Elena, in perfetto stile invernale.

“Elena è un caldo e elegante stivaletto prodotto con pelle scamosciata all’esterno. L’interno è interamente foderato in montone a concia bianca non colorato, per garantire la massima salubrità a contatto con il piede; grazie alla concia bianca viene garantito l’assorbimento del sudore senza che la scarpa rilasci cattivi odori. Il plantare è anatomico, in lattice e sughero, rivestito in pelle bovina conciata al vegetale. La suola è in para naturale, per garantire la massima aderenza al suolo con un materiale completamente naturale, riciclabile e biodegradabile. La scarpa è interamente prodotta in Italia dal calzaturificio Astorflex.”

Price: 77 €
Acquistabile on-line sul sito Ragioniamo con i piedi, in uno dei tanti mercatini a cui partecipano (trovate il calendario aggiornato sul sito) oppure in negozio.

“Si ragiona con i piedi ma si cammina con la testa”, quindi buone passeggiate maqualidesigner!

shoe

17th DECEMBER
LessIS by Maria Jennifer Carew
to give to: minimalist, fashionist, geek, 3D print addicted

LessIS is a collection of pendants born from the idea of simplifying as much as possible the concept of necklace. The pendant has a crucial role, more than the chain that supports it.
Mixing this new point of view, Jennifer has experimented her intuitions with a good dose of “simplicity” (or ability to synthesize, one of the designer’s skill we love more) and the 3D print using materials such as bronze, brass and nylon. And the results are some young, iconic and fun accessories that draw a new way to wear them.
Let’s do some shop: from 11 euros HERE on Detaildesignstore, HERE on Fulfildesign or @ Gallery on the Move (via Elba, 30 – MI) !
and follow LessIS on the fb page!

lessIS_cart

15th DECEMBER
FOLDIO by Orangemonkie
to give to: wannabe photographers, smartphones obsessed, ebay addicted, food bloggers

FOLDIO is an ultra-portable (foldable) light box for smartphone shutterbugs who want to add a new dimension to their work or take some professional-looking product shots. Foldio is calling itself the “world’s first foldable portrait studio” and even provides its own lighting, thanks to the built-in LED strip. And to top it off, the white background sheet can be replaced with a myriad of different color sheets, all of which are washable.
To discover more, follow their new kickstarter crowndfunding “FOLDIO2 – bigger & smarter”
available HERE on Orangemonkie store from 49 dollars (1 LEDstrip) to 59 dollars (2 LEDstrips)

foldio