archivio

process

21st DECEMBER
SCARPE ECOSOLIDALI by Astorflex
to give to: agli appassionati di pelle e/o a chi ci tiene a camminare bene

Difficile scegliere tra i tantissimi modelli proposti da Astorflex e commercializzate da Ragioniamo coi piedi.
Quello che vi invitiamo a fare è guardare questi siti e scoprire un modo tutto nuovo (o forse molto antico) di produrre e creare scarpe ecologiche e solidali creando filiere corte, trasparenza sui prezzi e sui materiali utilizzati, rispetto per l’ambiente e per i lavoratori.

Qui nell’immagine uno tra i tanti prodotti, lo stivaletto Elena, in perfetto stile invernale.

“Elena è un caldo e elegante stivaletto prodotto con pelle scamosciata all’esterno. L’interno è interamente foderato in montone a concia bianca non colorato, per garantire la massima salubrità a contatto con il piede; grazie alla concia bianca viene garantito l’assorbimento del sudore senza che la scarpa rilasci cattivi odori. Il plantare è anatomico, in lattice e sughero, rivestito in pelle bovina conciata al vegetale. La suola è in para naturale, per garantire la massima aderenza al suolo con un materiale completamente naturale, riciclabile e biodegradabile. La scarpa è interamente prodotta in Italia dal calzaturificio Astorflex.”

Price: 77 €
Acquistabile on-line sul sito Ragioniamo con i piedi, in uno dei tanti mercatini a cui partecipano (trovate il calendario aggiornato sul sito) oppure in negozio.

“Si ragiona con i piedi ma si cammina con la testa”, quindi buone passeggiate maqualidesigner!

shoe

Annunci

12th DECEMBER
SABATO NELL’ORTO “Coltivando
to give to: noi stessi e i nostri amici (designer e non)

Coltivando è l’orto conviviale del Politecnico di Milano. Nato dalla co-progettazione tra designers e la comunità locale della Bovisa è uno spazio collettivo dove confrontarsi, conoscersi e organizzare attività. Non solo uno spazio per far crescere ortaggi bensì un luogo per coltivare conoscenze, passioni, amicizie.
Aggiungiamo che progettare (e soprattutto fare) un orto è una vera e propria scuola, una materia “trasversale” che ci aiuta anche nel lavoro (che “ci da da mangiare” ma forse non tanto e non bene come un buon orto).
for free: accorrete numerosi proprio domani, eventi così preziosi e gratuiti non sono all’ordine del giorno!!!  Seguite le date degli incontri e il progetto anche sulla pagina fb coltivando

natale orto

9th DECEMBER
Earthen floor: a modern approach to an ancient practice
t
o give to: tutti i designer (inteso nel vero senso della parola: progettisti, bando alle categorie) ma anche ai committenti (magari solo quelli che ci stanno più simpatici e che già sono un pò illuminati)

Un libro sui pavimenti in terra cruda, con approfondimenti sul materiale… leggiamolo o regaliamolo perchè Maqualidesigner siamo se quando dobbiamo scegliere con che materiali progettare non conosciamo il primo che gli esseri umani hanno usato quando hanno iniziato a “creare”?
available from 21 dollars on Amazon

natale earth-01

 

bv_up

Maqualedesign promuove un progetto in cui crede molto e a cui invita tutti.

Si tratta del secondo evento di “Biblioteca Vivente” che si svolgerà nel Teatro del carcere di Bollate il prossimo SABATO 8 NOVEMBRE.

Il nome completo dell’azione è Biblioteca vivente fuori e dentro e per saperne di più potete visitare la pagina di Incontri Ravvicinati, un progetto di coesione sociale finanziato da Fondazione Cariplo e dal Settore Biblioteche del Comune di Milano.

L’obiettivo principale dell’azione è quello di creare un canale di dialogo tra il carcere e la città tramite strumenti non convenzionali, che partano dalla voce di chi il carcere lo vive quotidianamente. Per farlo si è deciso di usare proprio la Biblioteca Vivente, già sperimentata da ABCittà con successo lo scorso 7 GIUGNO nella bellissima cornice della Biblioteca di Parco Sempione (qui alcune immagini https://www.facebook.com/media/set/?set=a.657116621035434.1073741827.174886452591789&type=1) .

Einstein diceva che è più facile spezzare un atomo che un pregiudizio…e da gennaio sono stati raccolti in diverse occasioni tanti pregiudizi sul carcere, ma fuori da lì, proprio per capire qual è la visione di questo mondo dall’esterno. Questa lunga e “pesante” lista è stata poi riportata a Bollate ed è diventata oggetto di lavoro per un gruppo di oltre 20 detenuti. è stato chiesto loro di ragionare sui pregiudizi che li toccavano più da vicino e che avevano voglia di sfatare. per farlo ci sono voluti molti incontri, molta attenzione e delicatezza per ricostruire (e alle volte costruire) le loro storie… proprio come se scrivessero dei libri, appunto, ma in carne ed ossa!

SABATO 8 NOVEMBRE, a partire dalle ore 15, la sala del Teatro del Carcere ospiterà questo secondo evento. Che è un’occasione unica per entrare a contatto con una realtà altrimenti ignorata e apparentemente distante.

(L’iscrizione è OBBLIGATORIA ed è da effettuare entro il 30 Ottobre all’indirizzo bibliotecavivente@abcitta.org inviando NOME, COGNOME, N.DOCUMENTO D’IDENTITà VALIDO (+ comune di rilascio), CONTATTO TELEFONICO.)